E allora cosa aspettate? Armatevi di tempo, pazienza e soprattutto di ….infallibili rimedi per creare qualità sui SOCIAL e avere vantaggi SEO!

 

1) DOMINA LA SERP DEL TUO BRAND

L'avrai di certo notato: quando cerchi il nome di un'azienda, i profili social occupano spesso le prime posizioni della serp. E altrettanto spesso sono piazzati più in alto del sito istituzionale del brand. Questo avviene proprio per quello che abbiamo detto nella nostra premessa: i social sono considerati affidabili da Google e sono visitati volentieri dagli utenti, che sempre più spesso cercano informazioni e pareri su un prodotto prima sui social media e poi sui siti ufficiali dei brand. Inoltre i social possono rendere più completo, interattivo e simpatico il primo contatto con un prodotto/brand. Perché non sfruttare a tuo favore questa facilità dei social di essere “organicamente indicizzati”?

Con i social puoi decidere di “dominare” dai primi 5 ai primi 10 risultati della serp per ricerche legate al tuo brand. Questa strategia, utile per tutti, può rappresentare un'ancora di salvezza per la gestione della reputazione aziendale, soprattutto quando, digitando il nome di un brand, compaiano tra i primi risultati recensioni o contenuti negativi. Infatti, occupando con i tuoi profili social aziendali le prime posizioni della SERP, i commenti negativi scivoleranno dove hanno meno probabilità di essere visti. 
IN PRATICA: Per rpima cosa vai su Google, digita il nome della tua azienda e controlla che i tuoi profili social già esistenti siano ben indicizzati. In caso contrario, cerca di dedicarti di più alla loro manutenzione, postando contenuti (e non spam) in modo costante ed attuando delle strategie di acquisizione like/follower. Successivamente, crea dei profili su social che ancora non stai utilizzando e “prenditene cura” allo stesso modo per qualche settimana come sopra: senza grandi sforzi vedrai tutti i tuoi profili social indicizzati nelle prime posizioni della serp e i risultati scomodi facilmente scalzati verso il basso. Ovviamente la condizione ottimale sarebbe che tu continuassi a gestire al meglio tutti i profili social che hai, ma noterai che manterranno il loro posizionamento anche con un'attività di manutenzione minima!

2)BOOST THE SOCIAL PROOF

Per garantirti la massima probabilità che gli utenti compiano qualche “azione” valutata da Google come Social Proof, dissemina il tuo sito di pulsanti social per la condivisione dei contenuti. Sul web ormai si affollano gli strumenti, da quelli gratuiti e più essenziali a quelli più performanti a pagamento, per lo share dei contenuti, i commenti e chi più ne ha più ne metta: devi solo cercare quello più adatto per le tue esigenze!

3)WELCOME TO THE LOCAL SEO

Se la tua attività è legata al territorio (albergo, ristorante, b&b, negozio fisico), la chiave per farsi trovare su Google è la LOCAL SEO. Quando un utente digiterà in Google la chiave “ristorante + nome città” o semplicemente ristorante, i risultati che gli verranno mostrati saranno quelli della città digitata o quelli più vicini a dove si trova l'utente al momento della ricerca. Per dire a Google che su un determinato territorio esiste anche la nostra attività e per far sì che lui la segnali nei risultati delle ricerche locali, basta compilare in modo corretto e puntuale la scheda di Google My Business, che può essere gestita da Google Plus, il social di Google. Per chi non lo sapesse ancora, Google My Business è il servizio gratuito di Google che riunisce le informazioni e i servizi dei vecchi Google Maps e delle vecchie pagine G+ Business e Local.

IN PRATICA: Se non sei ancora registrato su My Business, vai su questa pagina: https://www.google.com/intl/it_it/business/ e segui la procedura guidata per creare la tua scheda. Una volta creata, ottimizzala focalizzandoti su 4 punti principali:

  • rendi la tua scheda completa e accattivante con una descrizione particolareggiata della tua attività, tante foto, tutti i dati possibili per reperirti (indirizzo, telefono, mail, skype, orari e giorni di apertura), quante più recensioni riesci a raccogliere
  • lavora sulla “NAP consistency” ovvero sull'unità e l'uniformità di Name (nome), Adress (indirizzo) e Phone (recapiti telefonici e mail) in tutte le parti del sito, dei social e in qualunque spazio web tu sia presente. Ti è mai capitato di imbatterti in negozi con giorni e orari di apertura incoerenti tra scheda Google, sito internet e social? PESSIMO BIGLIETTO DA VISITA! 
  • Cerca di ottenere tante recensioni su Google poiché banalmente, chi ha più recensioni (non necessariamente positive!) arriva prima sulla serp locale 
  • ttieni link e citazioni (NAP della tua attività) su directory locali legate al tuo business.

Rispetto alla SEO classica, nella SEO locale non conta solo l'autorevolezza del sito che ci linka ma soprattutto il legame con il territorio e con l'ambito della nostra attività. Se vuoi saperne di più, ti rimando al mio articolo di approfondimento su come utilizzare al meglio le schede Google My Business per la SEO.

CONTINUA ..... I SOCIAL INFLUENZANO LA SEO? 3

 

certificazione google adwords seozoom

No Internet Connection

usiamo cookies a fini statistici per migliorare l'esperienza utente